Rotterdam-case-cubiche
Viaggi,  Olanda

Cosa vedere a Rotterdam in due giorni e dove mangiare

Se vi state chiedendo cosa vedere a Rotterdam e possibilmente dove mangiare in soli due giorni… Siete nel posto giusto! Ho passato proprio in questa città così innovativa e ricca di architettura, tra biciclette, mulini e musei due splendidi giorni guidati dai consigli di un’amica che ormai vive proprio qui da diversi anni.

Che atterriate direttamente a Rotterdam oppure ad Amsterdam Schiphol (come ho fatto io), la città si raggiunge facilmente in bus o in treno. Dalla capitale olandese infatti, basterà acquistare un biglietto diretto alla stazione Centrale di Rotterdam. Il consiglio è scaricare l’app per telefono NS e di comprare il biglietto in anticipo sia per comodità, sia avere uno sconto sul costo finale dato il risparmio sulla carta stampata.

COSA VEDERE A ROTTERDAM

*ERASMUSBURG
Si tratta del ponte mobile simbolo della città, la cui costruzione è stata ultimata poco prima degli anni 2000. Dedicato a Erasmo da Rotterdam e utilizzato per collegare nord e sud della città, è considerato un’opera a tuttotondo poiché dimostra come standard tecnici ed estetici possano coesistere dando vita a un risultato non solo funzionale ma esteticamente incredibile.

rotterdam-erasmusburg
Erasmusburg – ©Mordi&Fuggi

*DELFSHAVEN
Si tratta del quartiere antico di Rotterdam, uno tra i più accoglienti, dove a farla da padrona è ancora l’atmosfera tipica della città prima che fosse distrutta dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale. Una delle tappe imperdibili qui è la Chiesa dei Padri Pellegrini, il luogo in cui si riunirono prima di partire alla volta degli Stati Uniti d’America.

*MUSEO DELLA FOTOGRAFIA
Museo di fama mondiale in grado di stuzzicare anche chi, di fotografia, non ne ha una conoscenza approfondita. L’obiettivo principale del Museo della Fotografia di Rotterdam è quello di salvaguardare e condividere il patrimonio fotografico del passato e renderlo rilevante nel contesto attuale.

*MARKTHAL – MERCATO DEL CIBO
Si tratta del primo mercato coperto d’Olanda e riflette l’anima estremamente dinamica che caratterizza la città di Rotterdam e, come la maggior parte dei suoi nuovi edifici, è di grande impatto visivo. Dall’esterno la forma è quella di una U rovesciata monocolore, mentre al suo interno si scatena un tripudio di colori e disegni, di cui alcune parti del soffitto altro non sono che… Finestre di abitazioni!

Qui bancarelle e piccole botteghe si susseguono, permettendo ai nostri cinque sensi di saltellare da un paese all’altro del mondo attraverso profumi, colori e pietanze.

*CASE CUBICHE
Una volta usciti dal mercato del cibo, con il naso ancora pieno di profumi dal mondo, inizierete a scorgere gli angoli capovolti delle case cubiche di Rotterdam. L’idea che siano annoverate tra i cliché della città non le rende sicuramente meno affascinanti o meno meritevoli di una visita. Le 38 abitazioni, tutte gialle, si mostrano come un piccolo bosco, una foresta urbana poggiata su pilastri che sembrano tronchi pronti a reggere i cubi inclinati di 45 gradi. Se vi state chiedendo come siano all’interno queste buffe abitazioni, al costo di 3€ è possibile scoprirlo, visitandone una che ad oggi è adibita a piccolo museo.

case-cubiche-cosa-vedere-a-rotterdam
Case Cubiche – ©Mordi&Fuggi

*FENIX FOOD FACTORY
Non lontano dall’Erasmusburg si trova la Fenix Food Factory. Nata dai vecchi magazzini portuali della zona, è oggi un agglomerato di imprenditori alimentari che hanno dato vita a un progetto di recupero industriale. Gli interni in calcestruzzo del food court conservano l’atmosfera originaria, e l’allestimento è volutamente grezzo e di riciclo. Un ambiente accogliente e informale che include anche una zona dedicata alla vendita di libri.

*DEPOT
È il primo deposito di un museo ufficialmente aperto al pubblico. Cosa significa? Che in un solo colpo è possibile muoversi tra le oltre 150.000 opere del Museo Bojimans che al momento è chiuso per restauro. Dall’esterno la struttura di DEPOT si presenta come un grande vaso – de pot – coperto di specchi, con in cima una grandissima terrazza da cui osservare Rotterdam dall’alto.

depot-rotterdam
Depot – ©Mordi&Fuggi

*AMMIRATE LO SKYLINE DAL FIUME
Per ammirare lo Skyline di Rotterdam da una prospettiva diversa e al tempo stesso evitare di dover ricorrere a una mini crociera di 75 minuti, vi consiglio di concedervi una corsa con i taxi boat, l’alternativa divertente per sfrecciare sotto l’Erasmusburg e osservare dall’acqua l’Hotel New York, zona da cui un tempo di salpava diretti verso gli Stati Uniti.

*ANDARE ALLA SCOPERTA DEI PARCHI… IN BICICLETTA!
Cosa vedere a Rotterdam se non le sue aree verdi? E cosa sarebbe un viaggio in Olanda senza una passeggiata in sella a una bicicletta?

Per unire le due cose, direttamente alla Stazione Centrale di Rotterdam è possibile noleggiare biciclette e averle a disposizione per uno o più giorni per potersi spostare meglio in città. Questo tipo di noleggio è possibile solamente se si dispone dell’abbonamento ai mezzi pubblici, altrimenti in giro per la città ci sono diversi negozi che svolgono lo stesso tipo di servizio.

I parchi sono numerosi e curatissimi, imperdibile l’immenso Kralingse Bos dove potrete godere del verde e della pace che un luogo simile ha da offrire.

DOVE MANGIARE A ROTTERDAM

Se cosa vedere a Rotterdam risulta piuttosto semplice, la questione si complica quando a essere al centro del mirino è la gastronomia. Qui infatti ho riscoperto una cucina tradizionale poco sviluppata, mentre non ho potuto fare a meno di notare quanto la multiculturalità della popolazione abbia influenzato la cucina, rendendola altrettanto cosmopolita.

Insomma, una doverosa premessa poiché tra i miei prossimi consigli non troverete il panino con l’aringa, ma consigli su diverse cucine dal mondo.

*HARVEST
Il locale che verrà ricordato come ‘Il posto capace di farmi rivalutare il brunch‘. Ebbene sì, grazie a un menù studiato, fatto di poche portate dagli ingredienti selezionati e di qualità, Harvest Café & Bakery ci è riuscito. Merito sicuramente dei lievitati dolci realizzati a regola d’arte e dei piattini salati in carta, tra open toast e molto altro.

Un cruffin al pistacchio soffice, umido, croccante fuori e non esageratamente dolce è stato solamente la premessa a un open toast incredibile. Ottimo pane, uova in camicia cotte alla perfezione e tanta possibilità di personalizzazione.

*LITTLE V.
Un piccolo angolo di Rotterdam dove a comandare è la cucina vietnamita, forte della sua storia ricca di influenze europee e asiatiche. La location è oggettivamente splendida e curata in ogni dettaglio, e fa solamente da contorno a piatti speziati e dai sapori complessi, in grado di andare incontro a ogni tipo di palato.

mangiare-a-rotterdam
Little V. – ©Mordi&Fuggi

*WHAT’S UP INDIA
Specializzato in autentica cucina indiana, What’s Up India si definisce ‘Miglior ristorante indiano di Rotterdam’ e io non me la sento di smentirlo. I piatti – ottimi – e l’uso delle spezie sono veramente molto lontani dal ristorante indiano con cui siamo abituati a confrontarci. Dahl di lenticchie incredibile, esattamente quanto il tipico pane naan, i piatti di carne e gli antipasti.

*UNFOLDED
Un po’ negozio dove acquistare splendide ceramiche e oggetti di arredamento per la casa, un po’ caffetteria in stile nordico dove fare merenda o colazione. Tra banana bread, cookies e lievitati, sono sicura troverete il dolce adatto al vostro palato!

merenda-a-rotterdam
Unfolded – ©Mordi&Fuggi

E poi…?

E poi, per mangiare a Rotterdam c’è questo posticino qui sotto, che è un piccolo angolo di pace, un negozietto che inserirei quando si tratta di cosa vedere a Rotterdam. Un angolo dove ho goduto di un momento bellissimo: una colazione in un ambiente perfettamente nordico e minimal, come se mi trovassi in una rivista. Cinnamon bun, avocado toast, piccola viennoiserie e dolci da colazione, accompagnati da un’ottima caffetteria.

colazione-a-rotterdam
Rotterdam – ©Mordi&Fuggi

Per sapere di che posticino si tratta, vi invito a scrivermi su Instagram, sarò felice di condividerlo con voi!

Nel complesso Rotterdam mi ha stupita positivamente. L’ho trovata una piccola Amsterdam, frequentata da un turismo molto meno selvaggio, però. Grande senso civico e gentilezza, che si affiancano a una città dinamica e a misura d’uomo dove ci si muove senza fatica, grazie alle dimensioni piuttosto ridotte.

Spero che questo articolo su cosa vedere a Rotterdam vi possa essere utile per apprezzare la città olandese almeno quanto l’ho apprezzata io! Fatemelo sapere con un commento qui sotto oppure scrivendomi su Instagram a @mordiefuggiblog, sarò felice di parlarne con voi!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *