lame-rosse-trekking
Viaggi,  Europa,  Italia

Trekking a Lame Rosse, la montagna per tutti!

Se anche voi fate parte di quel team che ama l’avventura ma non si sente ancora particolarmente sicuro nell’affrontare le passeggiate in montagna di più di quattro ore, il trekking a Lame Rosse è esattamente il tipo di percorso che fa per voi.

Le Lame Rosse sono alcune tra le formazioni rocciose più famose dei Monti Sibillini, formatesi grazie all’erosione causata dagli agenti atmosferici. Il loro colore rosso è da ricondurre alla forte presenza di ferro, che dà il nome alla suggestiva méta. Si trovano in provincia di Macerata, a circa un’oretta da Civitanova Marche, città dove ho fatto tappa durante l’on the road.

trekking-marche
Lame Rosse – ©Mordi&Fuggi

Si tratta di un cammino percorribile in circa due ore complessivamente, con un dislivello che si aggira intorno ai 200m. A fare la differenza saranno la sveltezza del vostro passo e la potenza dei vostri polpacci.

Il punto di partenza che consiglio è la diga del Lago di Fiastra, uno smeraldino lago artificiale in cui durante le giornate calde è possibile godersi un bagno oppure ammirare il paesaggio sulle sponde rocciose.

lago-di-fiastra
Lago di Fiastra – ©Mordi&Fuggi

Sebbene come tutte le lunghe passeggiate sia sconsigliabile percorrerla durante le ore di punta, l’intero percorso è completamente immerso nella natura e per la maggior parte all’ombra di un fitto lecceto.

La strada che porta alla meta è sempre in salita ma non ripida, per questo il percorso è davvero affrontabile da chiunque, posso giurare di aver visto bambini di 4 anni e cani di piccola taglia sopportarlo senza difficoltà.

trekking-lame-rosse
Lame Rosse – ©Mordi&Fuggi

L’unico tratto per cui effettivamente si viene messi alla prova, è quello immediatamente prima della meta. Gli ultimi quindici minuti sono riassumibili in una salita mediamente ripida coperta interamente da ghiaia bianca. La ghiaia rende il terreno instabile sotto i piedi, per questo nonostante si tratti di un percorso semplice e breve, è necessario prestare attenzione.

La méta è una visione stupefacente, poiché dopo tanta vegetazione, non ci si aspetterebbe mai un paesaggio così arido e caratterizzato da una totale assenza di verde. E proprio il verde delle montagne intorno, crea un netto contrasto con le Lame Rosse, che si ergono meravigliose nel mezzo del nulla.

lamerosse-trekking-marche
Lame Rosse – ©Mordi&Fuggi

Consigli pratici:

Se ho definito il trekking a Lame Rosse affrontabile da tutti, è pur vero che l’abbigliamento deve essere comodo. Scarpe chiuse e possibilmente non con la suola liscia.

Durante l’intero percorso non sono presenti punti ristoro, fontanelle o altro; per questo motivo è consigliabile avere con sé almeno acqua e snack.

L’unico punto ristoro che troverete, ha quattro ruote e si trova lungo le sponde del lago. Al food truck è possibile rifocillarsi dopo la camminata (o accumulare forze prima) con panini goduriosi ripieni di ingredienti del territorio, e insalate preparate al momento.

ciauscolo-marche-panino-lago-di-fiastra
Lago di Fiastra – ©Mordi&Fuggi

Avete mai fatto trekking? Quale rapporto avete con le passeggiate in montagna? Potete raccontarmelo in un commento oppure taggandomi su Instagram con @mordiefuggiblog

Ecco qui un breve video dove vi racconto il mio trekking a Lame Rosse: video.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *