lucca-chiesa
Viaggi,  Europa,  Italia

Lucca e dintorni, cosa vedere e dove mangiare in due giorni

Al rientro dal mio viaggio in Val d’Orcia, ho deciso di fare una tappa intermedia e dedicare un paio di giorni a Lucca e dintorni, città che al suo interno racchiude storia, ospitalità ed eccellenze gastronomiche tutte da scoprire.

Per vederla al meglio, il consiglio è prevedere un soggiorno di almeno due giorni, ma se i tempi sono piuttosto stretti, potreste riuscire a vedere le attrazioni principali anche in uno solo.

lucca-chiesa
Lucca – ©Mordi&Fuggi
LUCCA: COSA VEDERE

*PIAZZA DELL’ANFITEATRO
Il cuore della città, che la rende famosa persino oltre i confini nazionali. Si tratta della piazza centrale, una ‘piazza chiusa‘ poiché l’accesso è possibile solamente attraverso le quattro porte a volta posizionate ai suoi estremi.

*PASSEGGIATA SULLE MURA
Per godere al massimo della bellezza di Lucca bisogna osservarla dall’alto, e quale miglior modo per farlo, se non una passeggiata sulle sue storiche mura? Lunghe più di 4km e alte 12m, le mura che racchiudono la città, sono oggi un bellissimo viale ricco di verde, perfetto per una passeggiata e – perché no – per partecipare a uno degli eventi che proprio qui viene organizzato.

*DUOMO DI LUCCA
Lucca non è l’unica città italiana a essersi guadagnata l’appellativo di ‘città delle cento chiese‘, tra queste non potete perdere il Duomo dedicato a San Martino. La sua particolarità risiede proprio nell’estetica: non si può fare a meno di notarne l’asimmetria. La sproporzione è dovuta al fatto che la chiesa in fase di costruzione si dovette adattare al campanile adiacente già presente.

duomo-lucca
Duomo di Lucca – ©Mordi&Fuggi

*CHIESA DI SAN MICHELE IN FORO
Una delle chiese più importanti della città e, a parer mio, tra le più affascinanti. Al suo nome è stato associata la dicitura ‘in foro‘ poiché si trova esattamente dove sorgeva l’antico foro romano. La prima impressione che si ha osservandola è che si tratti di una commistione di stili diversi… Ed è proprio così: la sua costruzione fu talmente tanto prolungata nel tempo che gli stili dei diversi periodi storici ne influenzarono l’estetica.

san-michele-lucca
San Michele in foro – ©Mordi&Fuggi
C’è stato un tempo in cui Lucca poteva contare più di 100 torri… E oggi?

*TORRE GUINIGI E TORRE DELLE ORE
Torre Guinigi e la Torre delle Ore sono le ultime due torri rimaste nella città di Lucca. Torre Guinigi è famosa per il giardino pensile che ospita sulla sua cima, un vero sollievo nelle giornate estive, soprattutto considerando i 230 scalini che separano dall’arrivo! La Torre delle Ore è la più alta della città (circa 50m) e nel suo caso bastano 207 scalini per raggiungere la cella campanara che permette di ammirare dai grandi finestroni la bellissima vista dall’alto.

torre-guinigi
Torre Guinigi – ©Mordi&Fuggi

*GIARDINO BOTANICO
Non lontano da Torre Guinigi si trova il giardino botanico, che premetto non aver visto con i miei occhi… Posso dire però, che se avessi avuto abbastanza tempo, sarebbe stato sicuramente tra i luoghi di interesse durante la mia visita lucchese.

…Passeggiata in Via Fillungo.
La strada principale di Lucca, tipicamente medievale e che si snoda attraverso la città per circa 700m. Costellata non solo di negozi, ma anche di piccole botteghe alimentari dove acquistare saporitissimi souvenir.

LUCCA E DINTORNI: COSA VEDERE

*PISTOIA
Si trova a circa 40km da Lucca e il suo centro storico è un’ottima tappa di circa mezza giornata da inserire in un itinerario. Le distanze in città possono essere percorse tranquillamente a piedi, consiglio come punto di partenza il cuore di Pistoia: piazza del Duomo. Nella piazza si trovano la Cattedrale di San Zeno e il suo campanile, di fronte invece, il Battistero. Non distanti dal Duomo, potete proseguire con la visita della Pistoia sotterranea e dell’Ospedale del Ceppo.

E dato che non si vive di sola fiorentina, il consiglio godereccio a Pistoia si chiama Rosso Veneziano, un bistrot gourmet di pesce freschissimo dove potrete destreggiarvi tra crudi, antipasti, primi e secondi da volare via… Magari accompagnati da una bottiglia di champagne. Lo staff è frizzante, gentile e disponibile, da solo vale un passaggio nei dintorni di Pistoia!

*MONTECATINI TERME
A metà strada tra Pistoia e Lucca, una delle località termali più famose d’Italia, Montecatini Terme. Oltre a un rilassante ingresso alle Terme Tettuccio, conosciute anche come ‘Bagno Nuovo‘ e famose per il loro stile che richiama quello delle terme romane, potrete utilizzare la funicolare che da Montecatini Terme vi porta a Montecatini Alto. Si tratta di una funicolare di quelle che cammina lenta sui binari, la seconda più vecchia d’Italia che con i suoi trenini rossi vi farà fare un tuffo nel passato!

Consiglio: non andate via da Montecatini senza comprare una confezione delle loro famosissime cialde! Le mie preferite sono quelle di Desideri e quelle di Bargilli!
cialde-di-montecatini
Cialde di Montecatini – ©Mordi&Fuggi

*MONTECARLO
Delizioso borgo medioevale a meno di 20km da Lucca, noto per i vigneti che si estendono a perdita d’occhio e che si traducono inevitabilmente in una importante produzione vinicola. A Montecarlo potete dedicarvi a una passeggiata lungo la cinta muraria e alla visita della Fortezza del Cerruglio, simbolo del borgo. Sempre all’interno del paese, è possibile visitare la Collegiata di Sant’Andrea e ammirare tre delle quindici porte rimaste che servivano per accedere alla città. Al sicuro, nel cuore di Montecarlo, potete visitare il Teatro dei Rassicurati, in passato frequentato anche dal compositore Giacomo Puccini.

LUCCA E DINTORNI: DOVE MANGIARE

*MECENATE – Lucca
Non stupitevi se arrivati al Ristorante Mecenate non troverete l’insegna con il nome corretto. Si tratta di un locale storico la cui insegna non può essere cambiata, leggerete infatti ‘Antica e premiata tintoria – lavanderia Verciani‘. Una storia genuina, come l’oste e come la cuoca, che portano a tavola i veri sapori della tradizione lucchese. Il loro menù cambia con le stagioni, resta invariata la tradizione in ogni piatto! Ottimi i risotti, il lardo e i secondi… Insomma: sono stata soddisfatta da tutti i piatti.

il-mecenate-lucca
Mecenate – ©Mordi&Fuggi

*IN PASTA – Lucca
Un pastificio artigianale consigliato direttamente da una local, nel cuore della città. Qui vengono prodotti quotidianamente condimenti e pasta fresca volti a sostenere le piccoli realtà locali. Da In Pasta, l’acqua è gratuita e a disposizione, e arredamento e stoviglie provengono da diversi luoghi. Un locale accogliente e familiare per un appuntamento con la pasta fresca (e non solo).

*LA BUCA DI SANT’ANTONIO – Lucca
Un ristorante storico, a tratti forse turistico, ma a parer mio meritevole di una visita. All’interno del locale, dal pavimento al soffitto si respirano storia e tradizione, nell’arredamento, negli attrezzi sui mobili, persino nei paioli appesi al muro. Il loro menù predilige piatti di carne – che ho apprezzato moltissimo – e appartenenti alla tradizione toscana.

*ROSSO VENEZIANO – Pistoia
L’avevo inserito anche fra le attrazioni di Pistoia per essere sicura lo notaste. Un bistrot raffinato dove riscoprire i sapori del mediterraneo, ispirati alla cucina siciliana. Chi l’ha detto che in Toscana non ci si possa concedere pranzi e cene a base di pesce?

rosso-veneziano-pistoia
Rosso Veneziano – ©Mordi&Fuggi
LUCCA E DINTORNI: DOVE DORMIRE

Esattamente come in Val d’Orcia, ho deciso di prediligere una struttura che fosse a gestione familiare e immersa nei paesaggi meravigliosi che solo la Toscana sa regalare. Per questo ho scelto il b&b La Piana, a Buggiano. Si trova a una decina di minuti da Montecatini Terme, e per raggiugerlo vi anticipo ci siano da percorrere 10 minuti di curve in auto, ma posso garantire ne valga la pena.

Le camere sono solo sei, tutte diverse e dal fascino rustico chic. Il proprietario di casa si chiama Luciano, decisamente disponibile e gentile. Posso confermare di essere rimasta decisamente soddisfatta della mia scelta!

E voi siete mai stati a Lucca e dintorni? Avete altri consigli che desiderate condividere? Scrivetemeli qui sotto, potranno essere utili a me o agli altri lettori!

E se volete vedere altre foto e video dei miei giorni toscani, trovate tutto cliccando qui, sulla mia pagina Instagram.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *