Cena,  Cibo,  Pranzo

I Caminetti del Sempione, come in baita, ma a Milano!

C’è un posticino ben incastonato in Via Procaccini in grado di trasportarvi – ogni volta che lo desiderate – in una accogliente baita di montagna; sto parlando de I Caminetti del Sempione.

La cucina e le proposte del ristorante appartengono principalmente alla tradizione del nord Italia, ma non preoccupatevi perché non mancano le proposte innovative.

Di tutte le accattivanti proposte del menù però, badate bene che alcune possono essere consumate solamente prenotando i tavoli sistemati sotto le apposite cappe.
Per eliminare la possibilità che alcuni odori si disperdano nel locale e infastidiscano gli ospiti, sono state montate alcune cappe in grado di eliminare il problema. A tal proposito, la mia intenzione era quella di assaggiare la loro raclette, ma chiaramente i tavoli sotto le cappe erano tutti prenotati e ho dovuto – felicemente – ripiegare su altro.

caminetti-del-sempione-locale
I Caminetti del Sempione

Non appena entrati nel ristorante si viene accolti dal classico torpore che inonda le baite di montagna. Colori caldi, arredamento in legno chiaro e atmosfera rilassata. Il personale al primo impatto risulta esageratamente composto, aspetto che non esclude disponibilità, gentilezza e grande professionalità.

Il menù non è troppo ampio, scelta che apprezzo, ed elenca antipasti, primi e secondi sia di carne sia di pesce.

Gli antipasti variano dal classico tagliere di salumi al tortino di zucchine con taleggio fuso, che noi abbiamo trovato buonissimo. Servito alla giusta temperatura e con un buon equilibrio tra il sapore del taleggio e la delicatezza della zucchina.
Nota di merito anche per il loro pane e la focaccia servita calda, non è un aspetto così scontato!

tortino-zucchine-taleggio-antipasto
Tortino di zucchine e taleggio fuso

A seguire, per non allontanarci troppo dalla raclette, abbiamo optato per una fonduta valdostana, piatto che come la Bourguignonne, la raclette e la fiorentina, deve essere ordinato minimo per due persone.

Servita con crostini di pane e patate lesse, ne abbiamo assaporato ogni assaggio. Non possiamo sicuramente definirlo un piatto leggero, ma godurioso e ben realizzato, sì. La crema di formaggi aveva la giusta densità, abbastanza liquida da avvolgere crostini e patate ma non così tanto da scivolare via dopo l’inzuppo.

fonduta-valdostana-caminetti-sempione
Fonduta valdostana

Dalla cucina vedevo sfilare piatti che mi è dispiaciuto non ordinare, i primi piatti avevano un aspetto davvero invitante. Per citarne uno, i sedanini mantecati nella forma di Grana Padano.

Ancora più invitanti però sono i dolci, dal cannolo scomposto fino alla sfera di cioccolato fondente e lamponi, quest’ultima è proprio ciò su cui abbiamo orientato la nostra scelta… Per fortuna! L’abbinamento cioccolato – lamponi non delude mai, soprattutto quando il cioccolato è di buona qualità.

sfera-cioccolato-lamponi
Sfera cioccolato fondente e lamponi

Per una cena come questa, potete aspettarvi un costo di circa 35€ a persona, che riteniamo di poter definire giusto.

A noi questa “baita milanese” è piaciuta molto, ogni tanto bisogna anche riscoprire i sapori del nord, che ne dite? Conoscete altri posti simili?

La chicca: per permettere ai propri ospiti un’esperienza culinaria completa, I Caminetti del Sempione mette a disposizione una cantina con circa 80 etichette di vini, curata da Luca Gardini, sommelier Campione del Mondo.

Fatecelo sapere qui sotto con un commento, oppure taggando nelle vostre storie Instagram @mordiefuggiblog !

I CAMINETTI DEL SEMPIONE

Viale Procaccini, 60 – 20154 Milano

Telefono: 02 33 601 912

Orario: lunedì – venerdì 12:30/14:30 – 19:30/01:00
sabato 19:30/01:00

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *