Cibo,  Pranzo

Come si mangia da Berti, trattoria milanese dal 1866

Non dite che non avete mai pensato “vorrei una bella cotoletta” oppure, durante una gita a Milano “mi farei una mangiata tipica milanese”, perché non ci credo! In questi, o anche se volete semplicemente mangiare bene, vi consigliamo il Ristorante da Berti.

Io ormai mi reputo quasi un habitué, a questo giro ho portato anche Ale.

La location è veramente bellissima, soprattutto quella esterna, perché a parer mio gode di uno dei dehors più belli di tutta Milano, forse proprio perché non ti sembra di essere a Milano. L’ambiente è adatto per un pranzo di lavoro formale, una cena romantica in giardino, un’informale occasione familiare; insomma è veramente versatile!

Il giardino è verde, molto curato (in estate purtroppo anche le zanzare sembrano apprezzare, motivo per cui i camerieri sono pronti a munire i clienti di Autan) e dispone di una zona griglia, mentre l’interno ha l’arredamento tipico di una trattoria milanese, quasi totalmente in legno massiccio e con foto della Milano storica appese ai muri.

Siccome “A tavola se ven mai vècc” (a tavola non si diventa mai vecchi), iniziamo!

Quasi insieme ai menù, arrivano subito anche i mondeghili milanesi – le tipiche polpette di bollito di manzo – per accompagnare nella scelta dei piatti.

Da non sottovalutare il fatto che i menù da Berti cambiano stagionalmente, quindi, visto il periodo estivo abbiamo optato entrambe per un antipasto fresco fresco: fichi e culatello. Il culatello si scioglieva in bocca, mentre i fichi erano dolcissimi… da tenere presente il fatto che quasi tutti gli ingredienti arrivano direttamente dalla nostra penisola.

…In inverno il mio antipasto del cuore è lo sformato di porri su vellutata di pomodori, se voleste provarlo, lo trovate anche in estate!

Passando ai piatti principali, i primi sono veramente gustosi, spesso viene da paragonarli a quelli che si mangiano a casa propria. In questo caso abbiamo scelto una semplice paglia e fieno con pesto di erbe e scaglie di grana, ma se volete provare qualcosa di “tradizionale”, il risotto al salto è veramente buonissimo!

Per quanto riguarda i secondi, d’estate è un tripudio di carne alla griglia alla quale restano affiancati i grandi classici, come la vera cotoletta alla milanese con l’osso, il Magnum di ossobuco col risotto e molti altri.

Se d’inverno il mio secondo del cuore è il filetto al Barolo, d’estate è quasi sempre lo spiedino misto con carne di vitello, manzo e salsiccia, accompagnato da verdure alla griglia e un pezzetto di polenta alla piastra.

E ora la parte che preferisco: i dolci! Sono tutti fatti in casa e sempre freschi.

Noi abbiamo provato la mousse al pistacchio (un evergreen, in tutti i sensi), dalla consistenza perfetta e anche la multicialda con crema al mascarpone e frutti di bosco, che è perfetta per chi cerca qualcosa che appaghi il palato senza risultare troppo pesante.

Chiaramente tutta questa bontà ha un costo, e di solito si aggira intorno ai 60€ a testa… ma per un’uscita diversa dal solito, è concesso!

Chicca 1: a pranzo, ogni giorno il ristorante propone un fuorimenù diverso, che sia il coniglio, il baccalà, il filetto in crosta di senape…scopriteli!

Chicca 2: questa è la chicca per gli amanti del buon vino. Da Berti potrete disporre di una cantina di circa 10 000 bottiglie di vino italiano.

 

Cosa ne pensa il milanese che c’è in voi? Ci siete stati? Fatecelo sapere!

 

DA BERTI

Via Francesco Algarotti 20, Milano

Telefono: 02 669 4627

Orari: lunedì – venerdì 12:30 – 14:30, 19:30 – 22:30

sabato 19:30 – 22:30

Giorno di chiusura: domenica

6 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *